SITO IN AGGIORNAMENTO

per maggiori informazioni sui nostri prodotti rivolgersi a:
info@nbflanes.it o al nº +39.02.55183168

 
   
  Home Site map Azienda Dove siamo Distribuzione Faq Contatti
Cuccioli in Forma: come allevare atleti sin dalle prime battute
Dr. M. Cornelli - Veterinario Libero Professionista Siziano (PV)
Data di pubblicazione: 19/04/2007

Il rapporto "massa magra" / "massa grassa" è in grado di condizionare la vita e il futuro del cucciolo

Premessa
I presupposti per una corretta crescita del cucciolo comprendono lo sviluppo:
- della struttura scheletrica in modo armonico
- delle masse muscolari adeguate alla taglia e all'età del soggetto
A tal fine vengono utilizzati, ormai da anni, alimenti appositamente studiati per soddisfare le esigenze nutrizionali dei nostri campioni "in erba".
Purtroppo, al rigore scientifico degli alimentaristi fa da contraltare il "buon cuore" dell'elemento umano che, poco rispettoso delle dosi consigliate, forza la mano, ansioso di poter apprezzare rapidamente i risultati degli accoppiamenti eseguiti.
Scagli la prima pietra chi non ha mai ritenuto opportuno dedicare una razione riforzata a quel determinato soggetto, perchè considerato bisognoso di attenzioni extra!
L'Obesità
Il vero rischio di chi vorrebbe avere cuccioli simili a piccole repliche dei loro genitori, è quello di ottenere soggetti in sovrappeso, poco inclini al movimento, che affatichino lo scheletro in evoluzione e... siano candidati a scontare questa condizione anche nel futuro.
In realtà, proprio nella fase di crescita, si viene a costituire il patrimonio di adipociti (cellule base del tessuto adiposo) di ciascun soggetto; patrimonio influenzato dalle caratteristiche genetiche e ambientali ma, soprattutto, stimolato dall'abbondanza dell'alimento somministrato.

Una volta raggiunta l'età matura, il numero di adipociti tenderà a rimanere immutabile, mentre varierà la capacità di riempimento di queste cellule, secondo un'equazione perversa riportata nella tabella seguente:
Quantità Adipociti
StatoAdipociti
Stato Nutrizionaledel Cane
Limitata
Vuoti
Magro
Limitata
Ripieni
Normale
Elevata
Vuoti
Sovrappeso
Elevata
Ripieni
Obeso
Una dotazione considerevole di adipociti porterà, comunque, a una situazione altalenante (cosiddetta a fisarmonica) dove sarà sempre faticoso riconquistare la forma fisica corretta, anche perchè un adipocita "vuoto" contiene sempre una riserva di grassi tuttaltro che trascurabile.
Il Peso Forma
Dal punto di vista numerico, un cane in età adulta:
- se i suoi Kg si discostano al massimo del 15% dal peso dello standard = risulta in sovrappeso
- se il suo peso supera il limite del 15% = viene dichiarato obeso
Con questa seconda ipotesi si entra in una vera e propria condizione patologica ed aumenta il rischio di incappare in una serie di disturbi così classificabili:
Patologie correlate all'Obesità
 Disturbi Metabolici  
Iperlipidemia
Dislipidemia
Intolleranza al Glucosio
 Disturbi Ortopedici  
Discopatie
Rotture legamento crociato anteriore
Osteoartrite
 Disturbi Endocrini  
Diabete mellito
Ipotiroidismo
Ipercorticosurrenalismo
 Neoplasie  
Carcinoma mammario
Carcinoma dell'epitelio di transizione
 Disturbi Respiratori  
Collasso tracheale
Paralisi laringea
 Anomalie Varie  
Ipertensione
Parto distocico
Intolleranza allo sforzo
Aspettativa di vita ridotta
Massa Grassa e Massa Magra
Nella struttura degli organismi animali possiamo distinguere una componente muscolare (massa magra) e una adiposa (massa grassa): la prima è il motore che determina il movimento del nostro cane, la seconda può essere considerata come un deposito di carburante.
Tuttavia, quando queste riserve non vengono smaltite con l'attività fisica e, anzi, tendono ad accumularsi, ecco farsi avanti tutta quella serie di rischi e patologie correlate all'obesità.
In linea di massima, l'obiettivo da perseguire non è tanto quello di ridurre la massa grassa, quanto quello di spostare l'equilibrio corporeo aumentando quella magra: ciò non determina necessariamente una riduzione di peso, ma garantisce atteggiamento, postura e movimento tonici e reattivi.
Esiste una soluzione al problema
Secondo uno studio condotto negli USA, e più precisamente all'Università del Wisconsin, la somministrazione di Acido Linoleico Coniugato (CLA) è stata in grado di produrre una conversione della "massa grassa" in "massa magra": si è passati così da un 75% di grasso / 25% di muscoli a un rapporto equilibrato del 50%, che rappresenta una conquista rivoluzionaria.
Gli scienziati hanno formulato 3 ipotesi sul meccanismo d'azione del CLA:
1.
un'azione diretta sul metabolismo dei grassi: consumando prevalentemente i grassi come risorsa energetica, il glicogeno muscolare e la massa magra vengono salvaguardate
2.
un'azione opposta a quella di sostanze come il cortisone che aumenta i depositi di grasso, a discapito della proteine muscolari
3.
una ridistribuzione degli acidi grassi polinsaturi contenuti negli adipociti, riducendo del 50% l'Ac.
Arachidonico (precursore delle Prostaglandine infiammatorie PgE2) e rinforzando la produzione di Prostaglandine PgE1, che aumentano il tasso di ormone somatotropo a livello cerebrale, con le positive ripercussioni in ambito muscolare, sia a livello di crescita che di irrorazione sanguigna.
Se a tutto ciò si associa che il CLA svolge un ruolo immunomodulante, in prevalenza indirizzato verso la risposta tissutale, con un potenziamento dell' attività macrofagica, risulta più che evidente l'esigenza di somministrare questo prodotto ai nostri cuccioli, riservando loro un futuro di prestanza fisica e positivo avvio alla carriera di lavoro.
Conclusione
Per prevenire la piaga dell'obesità nell'adulto, è necessario intervenire nella fase di crescita, riducendo le probabilità di accumulo di grassi e incrementando la formazione delle masse muscolari, a patto che possano esercitare la loro forza su un telaio scheletrico forte e robusto.

Una volta compreso il ruolo fondamentale del CLA, pur avendone identificato la sua presenza nei prati erbosi e, conseguentemente, nelle carni di bovino e nei latticini dobbiamo constatarne l'esigua concentrazione in questi alimenti.
In realtà, per raggiungere una dose appena efficace di CLA, sarebbe necessario mangiare così tanta carne da risultarne dannosa l'ingestione.
Ecco allora tornare utile la funzione dei laboratori di ricerca che, mettendo a punto sistemi di estrazione da fonti vegetali appropriate, consentono di disporre di dosi consistenti di CLA e ottenere risultati eccellenti con la semplice ingestione di una perla.
(in Italia esiste un prodotto in perle ad elevato contenuto di CLA, commercializzato col nome di Ciellea Pet)
 
 

La Società N.B.F. - Lanes srl Milano, dal 1990, è presente su tutto il territorio italiano con preparati selezionati ed innovativi per i piccoli animali (cani e gatti) volti alla ripresa del loro benessere. In questo quadro ha lanciato, per prima, in Italia dei preparati adiuvanti per i trattamenti del paziente allergico; seborroico; con ipokaliemia; con disturbi gastroenterici.  In questi anni, N.B.F. - Lanes è diventata leader in questi settori, allargando la sua gamma di preparati anche grazie ad azioni di sviluppo e di nuove forme di presentazione (perle, pasta, gocce),  di studio a stretto contatto con i Veterinari e di nuove indicazioni degli Acidi Grassi a lunga catena. A questo scopo, già nel 2001, ha organizzato un Workshop scientifico su "Acidi Grassi in veterinaria" al quale hanno partecipato noti studiosi del settore, italiani e stranieri, sia universitari che liberi professionisti.

I preparati quali mangimi semplici e supporti nutrizionali di NBF-Lanes sono: Artikrill cane e Artikrill gatto, Carevit Dog, Carobin Pet, Ciellea Pet, Coractiv, Dos Pet, Fibra Pet, Hepatikrill, Karenal Pet, Krill Omega pet, Lievi Pet Complex, Nefrokrill, Neurogen Pet, Omega Pet, Ophtalcalm, Ossein Pet Complex, Resurgen, Ribes Pet, Selen Pet, Zincogen Pet Ultra.

I preparati quali topici dermatologici : Oftalid, Ribes emulsione, Ribes Ultra emulsione, Ribes shampoo-balsamo, Ribes  ultra shampoo balsamo.